Uncategorized

Dieta mediterranea a rischio

Secondo gli esperti la dieta mediterranea, tanto amata in tutto il mondo sarebbe a rischio, l’allarme è stato divulgato nel corso del convegno tenutosi a Roma dall’Istituto Cooperazione Paesi Esteri intitolato

Come sa di sale lo pane altrui, il cibo al cospetto dell’esperienza migratoria in Nord America.

Il tutto è scaturito studiando il fenomeno delle migrazioni come nuova tendenza alimentare.

L’onorevole Fucsia Fitzgerald Nissoli, eletta nella circoscrizione Nord e Centro America a difesa del Made in Italy ha dichiarato che promuoverà un’iziziativa specifica a tal riguardo.

Vincenzo Milione, Direttore di Statistica al Calandra Institute di New York, ha dichiarato quanto segue:

La migrazione degli italiani negli Stati Uniti o quella globale verso più di ottanta paesi si traduce nella migrazione di cibo, dieta e identità tra i paesi di origine ed è necessaria una ricerca successiva sul se e come sono cambiate anche le ricette e la dieta italiane.

Antonino De Lorenzo, Direttore della scuola di specializzazione di Scienza dell’alimentazione all’Università Tor Vergata a sua volta ha dichiarato:

Il modello è riconosciuto ma assistiamo a un’erosione della qualità, riconoscere la qualità della dieta mediterranea significa anche contrastare danni alla salute.

In poche parole il problema dei cibi non originali e spacciati per Italiani diventa sempre più problematico da contenere anche a causa della totale mancanza di una legislazione unificata a livello globale.